Qual’è l’origine del dessert?


Mangiare un dolce dopo aver mangiato (o in qualsiasi momento della giornata) è un piacere. La cosa più curiosa e ciò che molti potrebbero non sapere è che l’abitudine di mangiare dolci Sebbene i dolci iniziarono a diventare popolari con la scoperta del miele molti anni prima non fu fino all’arrivo dell’Impero Romano che l’abitudine di mangiare dolci alla fine di un pasto fu prolungata.

Il dessert era come dare il tocco finale ad un ottimo pasto. Era come migliorare tutto ciò che veniva mangiato in precedenza, oltre ad essere un complemento importante in termini di approvvigionamento di sostanze nutritive. Non dimenticare che molti dolci tradizionali contengono prodotti come noci, cereali, olio … che sono essenziali.

Perché il dessert è servito alla fine?

Ma forse la cosa più curiosa è sapere perché dopo un pasto abbondante c’è l’abitudine di mangiare dolci.

Come dicevamo il dolce ha le sue radici nell’impero romano. Sicuramente hai visto in più di un film le feste che sono state date. In questi pasti abbondanti venivano serviti numerosi piatti e tra piatti e piatti salati era consuetudine servire dolci. Secondo questa consuetudine, i romani la chiamavano secundae mesae. Una pratica che è durata fino ad oggi.

L’influenza araba è stata anche notata. Nei paesi arabi i dolci di zucchero con noci sono diventati popolari. In effetti alcuni dolci come i rosegones hanno la loro origine araba.

Il meglio, sempre alla fine

Nei pasti in famiglia o tra amici il meglio arriva sempre alla fine. Ecco perché, come facevano i romani, abbiamo lasciato il meglio per la fine. Non solo perché mangiamo qualcosa di dolce che ci lascia con un buon sapore in bocca, ma perché con uno stomaco felice, le conversazioni dopo cena assumono una dimensione diversa.

E non solo nei pasti in famiglia. È sempre stato detto che i grandi affari sono chiusi in un buon dopo-cena. E in loro non si può mancare un buon caffè con un po ‘di liquore e, naturalmente, un buon anello di anice o forse qualche dolce uvetta e noci.

In quaresima, anche più dolce

L’assunzione di dolci è sempre stata legata al periodo dell’anno. Por ejemplo, Nella stagione della Quaresima, era anche tipico che l’assunzione di dolci tradizionali fosse in aumento. La stagione della Quaresima va dalla celebrazione del Mercoledì delle Ceneri (celebrato dopo il Carnevale) a Pasqua.

Gli atti di digiuno e astinenza costretti ad alleviare la mancanza di cibo mangiando prodotti più dolci. Il digiuno consisteva nel fare un pasto principale per tutto il giorno (tranne la domenica). E fu praticato durante la Quaresima. L’astinenza consisteva nel non mangiare carne il venerdì durante lo stesso tempo. Di fronte a questa mancanza di nutrienti essenziali dovrebbero essere coperti con dolci e noci.

Sebbene i tempi siano cambiati, l’usanza di mangiare dolci durante la Quaresima e la Pasqua è continuata fino ad oggi. Dobbiamo tenere presente che si tratta di date in cui la giornata inizia ad allungarsi e abbiamo bisogno di più energia.

Ora sappiamo da dove viene l’abitudine di mangiare dolci nel dessert o alla fine di un pasto.. I nostri antenati lo hanno già fatto. Per qualcosa sarebbe.

.

Lascia un commento

Pin It on Pinterest